Come pulire una camera di isolamento in una casa di cura

Come pulire una camera di isolamento in una casa di cura


Pulire una camera di isolamento in una casa di cura richiede la massima attenzione. Il motivo puoi immaginarlo: in questa stanza viene ospitato il paziente affetto da malattie contagiose. Le più diffuse? Tubercolosi e infezioni da MRSA. Ovvero un’infezione batterica umana provocata da ceppi particolari di Staphylococcus aureus, resistenti agli antibiotici β-lattamici come le penicilline e le cefalosporine.

Questo luogo, quindi, serve a evitare la diffusione di infezioni verso gli altri pazienti e lo stesso personale impiegato nella casa di cura.

Chi si occupa delle pulizia di una camera di isolamento deve seguire delle procedure rigide e precise. Un’azione svolta con leggerezza può mettere a repentaglio la salute dell’intera struttura sanitaria.

In questo articolo, che vuole essere una piccola guida, voglio spiegarti i passaggi necessari per pulire una camera di isolamento in una casa di cura.

Pulire una camera di isolamento: cosa indossare e cosa ti serve

Prima di iniziare a pulire la camera di isolamento indossa gli indumenti protettivi. Quali sono? Guanti, camice, copricapo, copriscarpe monouso e maschera. Questo strumento può variare in base alla patologia di cui soffre il paziente.

Dopo esserti protetto in modo adeguato prepara tutto ciò che ti serve per pulire la camera di isolamento nella casa di cura:

  • Borse di contaminazione
  • Acqua
  • Disinfettanti
  • Bottiglie spray
  • Panni monouso
  • Mop per pavimenti

Naturalmente, sia prima che dopo l’attività di pulizia, è consigliabile lavarsi bene le mani.

Elimina tutti i materiali contaminati dalla camera

Devi liberare la camera da tutti i materiali contaminati. Occupati delle lenzuola del letto. Toglile e mettile in appositi contenitori. Lo stesso discorso vale per le federe dei cuscini. Sposta anche i materassi. Svuota gli armadi e se ci sono bicchieri di carta su comodini e altri ripiani gettali in un sacchetto a parte.

In bagno butta tutto ciò che resta di rotoli di carta igienica e saponi, rimuovi anche eventuali orinatoi usa e getta. Ci sono asciugamani e indumenti sanitari? Bene. Sistemali in sacchi da destinare alla lavanderia.

Cosa pulire in una camera di isolamento?

In questa fase inizia la pulizia vera e propria. Prepara tutti i disinfettanti e detergenti necessari alla sanificazione dell’ambiente e segui le istruzioni d’uso sul prodotto.
Una raccomandazione: scegli quelli che vengono approvati dal protocollo della casa di cura.

Comincia da rotaie del letto, materassi e cuscini: spruzza del disinfettante e lascialo agire per un po’ (leggere bene le istruzioni per l’uso ed i tempi di contatto). Per quanto riguarda cuscini e materassi, fai in modo che prendano aria dopo averli trattati con disinfettanti aerosol.

Passa alle superfici dei cassetti, comodini, scaffali e armadi. Anche le grucce devono essere disinfettate. Non dimenticare di pulire i comandi del monitor, i tasti del telecomando, della televisione e del telefono. Dai la stessa cura a tutti gli interruttori della luce e alle maniglie delle porte.

Continua con lo spray disinfettante sul monitor, cavi elettrici e piantane per le flebo. Il panno usa e getta che hai utilizzato per le superfici deve essere cambiato con molta frequenza e subito chiuso nei contenitori. In alternativa si possono utilizzare salviette imbibite di soluzione disinfettante idroalcolica.

Ritorna nel bagno, detergi e disinfetta i sanitari: lava il box doccia e WC con detersivi specifici e termina il trattamento sempre con disinfettanti liquidi o spray. Rimuovi ogni macchia di sangue muco dai ripiani e lucida con una salvietta monouso gli specchi.

A questo punto raccogli i contenitori che hai utilizzato per riporre i materiali infettati e lasciali fuori, all’ingresso della stanza.
Una volta ritornato dentro ispeziona l’ambiente e verifica di non aver lasciato nulla al caso.

Il passaggio finale è la pulizia del pavimento: lo strumento ideale? Il mop per pavimenti. Dopo aver diluito il detergente-disinfettante ad ampio spettro in un secchio con acqua calda, inizia dal fondo della camera verso la porta. Quando hai terminato il lavoro getta via la testa mop nei rifiuti speciali

Ora liberati dei vestiti che hai indossato e mettili in un sacco per lo smaltimento. Infine avvisa il personale che la stanza è stata idoneamente sanificata a fondo.

Pulire una camera di isolamento in una casa di cura: la tua esperienza

Questo è un piccolo vademecum per sanificare la camera di un pazienze colpito da malattie contagiose. Tu come ti muovi in quest’ambiente? Quali sono le procedure che utilizzi? E quali prodotti usi? Aspetto la tua esperienza nei commenti.

Amedics Professional

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.